Le mele dell’Alto Adige sono tra i prodotti d’eccellenza della regione

Le mele dell’Alto Adige sono uno dei migliori esempi di prodotto agricolo d’eccellenza autenticamente regionale.

Ecco perché il Consorzio Mela Alto Adige sostiene con convinzione la nuova iniziativa “Consapevolmente Alto Adige”, creata per diffondere ulteriormente i valori della regionalità e promuovere le piccole filiere locali.

I concetti di regionalità e filiere locali si stanno diffondendo a macchia d’olio a livello europeo, a testimonianza di una mentalità sempre più attenta all’ambiente. Ed è in questo contesto che il Consorzio Mela Alto Adige ha deciso di sostenere l’iniziativa “Consapevolmente Alto Adige”, coordinata dall’impresa bolzanina Transkom, che mette al centro della propria attività proprio la regionalità. Il progetto punta a sensibilizzare la popolazione altoatesina, promuovere una consapevolezza regionale e contribuire ad un comportamento di consumo critico. L’iniziativa punta altresì a spiegare e trasmettere le complesse relazioni esistenti a livello regionale.

“Abbiamo accolto con molto piacere la nascita di questa iniziativa perché anche noi viviamo quotidianamente i concetti di regionalità e sostenibilità, e pertanto non possiamo che promuoverla con la massima convinzione”, afferma Georg Kössler, presidente del Consorzio Mela Alto Adige. Le mele dell’Alto Adige sono prodotte secondo i massimi standard qualitativi e sono apprezzatissime anche sul mercato interno: “Per noi è estremamente importante che anche i nostri corregionali riconoscano e apprezzino il lavoro dei 7.500 frutticoltori altoatesini”. E in effetti le mele dell’Alto Adige – di produzione sia biologica che integrata – godono di grande popolarità anche all’interno nei confini provinciali. “Ciò non toglie però che tanti altoatesini ancora non sappiano quanto lavoro c’è durante l’anno dietro la produzione delle mele. Noi ci auguriamo quindi che l’iniziativa “Consapevolmente Alto Adige” contribuisca a colmare questa lacuna”, sostiene Kössler.

Anche in Alto Adige parecchi consumatori non riescono a risalire alla provenienza di determinati prodotti o servizi, e neanche come e in quali condizioni avvengano le fasi di produzione. “Consapevolmente Alto Adige” punta molto su questo aspetto, mettendo a disposizione del consumatore una banca dati con centinaia di negozi online di aziende altoatesine attive nei più svariati settori, dagli alimentari all’artigianato, dai cosmetici alla moda esclusiva senza tralasciare i fornitori di servizi.

“Noi siamo fermamente convinti che anche in Alto Adige i valori della regionalità debbano acquisire un’importanza ancora maggiore, e per questo ci uniamo molto volentieri alla campagna di sensibilizzazione”, spiega Kössler. Anche Arnold Biasion, amministratore della Transkom a cui è affidato il coordinamento dell’iniziativa, si compiace della collaborazione con il Consorzio Mela Alto Adige: “Siamo molto contenti di avere tra le fila dei nostri sostenitori un partner di questa caratura. Scegliere prodotti regionali, provenienti dalle filiere locali, significa rispondere in maniera intelligente dal punto di vista economico ed ecologico alla dilagante globalizzazione”.

Download

Prego inserite un termine che contenga almeno 3 caratteri.

Sto cercando questo argomento:

Curiosità Eventi Formazione Giochi a premi Melicoltura Protezione delle piante Qualità sostenibilità Varietà di mele Vendità

Utilizziamo i cookies per raccogliere informazioni sulle procedure di navigazione degli utenti e per facilitare la fornitura dei nostri servizi. Per ulteriori informazioni e come disattivare i cookie cliccare qui. Procedendo con la navigazione, l'utente acconsente al suo utilizzo dei cookie.